Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Adesivi Anna Frank: la politica condanna e la Lazio prende le distanze

Hanno fatto scalpore le immagini della Curva Sud, presa in prestito dai laziali per la gara interna contro il Cagliari, nella quale sono apparsi adesivi a sfondo antisemita, utilizzati per insultare la tifoseria della As Roma. Tra un “Romanista Aronne Piperno” e “Romanista ebreo” quello che ha indignato maggiormente è stato l’adesivo raffigurante il simbolo dell’Olocausto, Anna Frank con indosso la maglia giallorossa. Come rivelano le immagini che circolano in rete, gli sticker sono stati apposti sulle vetrate del settore, così come sui seggiolini e corrimano. E’ subito partita un’inchiesta della Digos, per un episodio che non è nuovo negli ambienti della Capitale, visto che già nel 2013 il volto della giovane vittima olandese, utilizzato come insulto, era apparso in giro per la città.

Non si sono fatte attendere le aspre critiche da parte delle istituzioni che hanno condannato ovviamente il gesto deprecabile. A partire dal Ministro dello Sport Luca Lotti che ha trovato ingiustificabile il comportamento del tifo laziale. A fargli eco anche il sindaco Virginia Raggi la quale supportando le dichiarazioni del capo della comunità ebraica romana, Ruth Dureghello, ha così commentato: “Questo non è calcio, questo non è sport, ha ragione Dureghello”. Ma la presa di posizione più dura arriva dalla prima carica dello Stato, il Presidente della Repubblica Mattarella che senza mezzi termini ha dichiarato: “Il volto e le pagine del diario di Anna Frank, la sua storia di sofferenza e di morte a opera della barbarie nazista, hanno commosso il mondo. Utilizzare la sua immagine come segno di insulto e di minaccia, oltre che disumano, è allarmante per il nostro Paese, contagiato, ottanta anni addietro, dall’ottusa crudeltà dell’antisemitismo” e a lui si è accodato anche il ministro dell’Interno Minniti che ha promesso “grande impegno per individuare i responsabili di un comportamento così ignobile affinchè vengano perseguiti secondo la legge e vengano definitivamente esclusi dagli stadi”. Infine anche il presidente della Camera Laura Boldrini, sempre in prima fila contro le discriminazioni, ha voluto condannare: “Preoccupazione antisemitismo stadi, rispondere con durezza. Sottovalutare è darla vinta a razzisti. Solidarietà a comunità ebraica. #AnnaFrank”.

Anche la dirigenza della Lazio ha preso le distanze, attraverso il portavoce Arturo Diaconale che ha sottolineato come la società abbia sempre condannato il razzismo e si è impegnato ufficialmente affinché ogni anno vengano organizzati dei viaggi ad Auschwitz per 200 tifosi. Inoltre oggi alle 12 Lotito si è recato in Sinagoga con alcuni giocatori per dimostrare tutta la solidarietà nei confronti della comunità ebraica.

Il tutto nasce in un momento particolare per la Lazio e i suoi tifosi che pochi giorni fa avevano chiesto a tutti di evitare i famosi ululati razzisti per il bene della squadra e, nella trasferta di Nizza, hanno ricordato le vittime dell’attacco terroristico con fiori sul luogo della strage e una maglia contro l’ISIS.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 25 settembre 1913 nasceva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Calcio

Pablo Neruda, il calcio e quel goal come un peso sulla coscienza Il 23 settembre 1973 moriva a Santiago del Cile il poeta Ricardo...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 21 Settembre si celebra la Giornata Mondiale della Pace ONU. Per...

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno rimandata a...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Inchieste & Focus

L’Altra Faccia di Pyongyang: la Corea del Nord e lo Sport “organico” di Kim Jong Un Oggi, 9 Settembre, si celebrano in Corea del...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Avrebbe compiuto oggi 79 anni Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue doti...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia “Corri, Forrest, Corri!” La celebre frase del Film Forrest Gump, interpretato da Tom Hanks nel 1994,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro