Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Adesivi Anna Frank: la politica condanna e la Lazio prende le distanze

Hanno fatto scalpore le immagini della Curva Sud, presa in prestito dai laziali per la gara interna contro il Cagliari, nella quale sono apparsi adesivi a sfondo antisemita, utilizzati per insultare la tifoseria della As Roma. Tra un “Romanista Aronne Piperno” e “Romanista ebreo” quello che ha indignato maggiormente è stato l’adesivo raffigurante il simbolo dell’Olocausto, Anna Frank con indosso la maglia giallorossa. Come rivelano le immagini che circolano in rete, gli sticker sono stati apposti sulle vetrate del settore, così come sui seggiolini e corrimano. E’ subito partita un’inchiesta della Digos, per un episodio che non è nuovo negli ambienti della Capitale, visto che già nel 2013 il volto della giovane vittima olandese, utilizzato come insulto, era apparso in giro per la città.

Non si sono fatte attendere le aspre critiche da parte delle istituzioni che hanno condannato ovviamente il gesto deprecabile. A partire dal Ministro dello Sport Luca Lotti che ha trovato ingiustificabile il comportamento del tifo laziale. A fargli eco anche il sindaco Virginia Raggi la quale supportando le dichiarazioni del capo della comunità ebraica romana, Ruth Dureghello, ha così commentato: “Questo non è calcio, questo non è sport, ha ragione Dureghello”. Ma la presa di posizione più dura arriva dalla prima carica dello Stato, il Presidente della Repubblica Mattarella che senza mezzi termini ha dichiarato: “Il volto e le pagine del diario di Anna Frank, la sua storia di sofferenza e di morte a opera della barbarie nazista, hanno commosso il mondo. Utilizzare la sua immagine come segno di insulto e di minaccia, oltre che disumano, è allarmante per il nostro Paese, contagiato, ottanta anni addietro, dall’ottusa crudeltà dell’antisemitismo” e a lui si è accodato anche il ministro dell’Interno Minniti che ha promesso “grande impegno per individuare i responsabili di un comportamento così ignobile affinchè vengano perseguiti secondo la legge e vengano definitivamente esclusi dagli stadi”. Infine anche il presidente della Camera Laura Boldrini, sempre in prima fila contro le discriminazioni, ha voluto condannare: “Preoccupazione antisemitismo stadi, rispondere con durezza. Sottovalutare è darla vinta a razzisti. Solidarietà a comunità ebraica. #AnnaFrank”.

Anche la dirigenza della Lazio ha preso le distanze, attraverso il portavoce Arturo Diaconale che ha sottolineato come la società abbia sempre condannato il razzismo e si è impegnato ufficialmente affinché ogni anno vengano organizzati dei viaggi ad Auschwitz per 200 tifosi. Inoltre oggi alle 12 Lotito si è recato in Sinagoga con alcuni giocatori per dimostrare tutta la solidarietà nei confronti della comunità ebraica.

Il tutto nasce in un momento particolare per la Lazio e i suoi tifosi che pochi giorni fa avevano chiesto a tutti di evitare i famosi ululati razzisti per il bene della squadra e, nella trasferta di Nizza, hanno ricordato le vittime dell’attacco terroristico con fiori sul luogo della strage e una maglia contro l’ISIS.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste La storia di Istvàn Tòth e Géza Kertész è una di quelle che...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il Biathlon fa la sua comparsa  alle Olimpiadi proprio in occasione della prima edizione invernale della grande kermesse...

Motori

Luca Badoer, “lo Stachanov del volante” Compie oggi 50 anni Luca Badoer, l’uomo nell’ombra della Ferrari che vinceva i Mondiali. Il nostro tributo allo...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 76 anni. L’ eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

La Leggenda Eusebio: quando la Pantera Nera sbranò la Corea del Nord Il 5 Gennaio 2014 moriva Eusebio, fenomenale giocatore portoghese Pallone d’Oro nel...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro