Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Addio calcio, benvenuto Islam: la storia di Jeremy Helan

Jeremy Helan, 24 anni, ha stupito l’intero mondo del calcio inglese in seguito alla sua decisione di voler abbandonare il mondo del football per concentrare tutte le proprie energie unicamente sulla sua religione: l’Islam.

Il difensore, all’occorrenza anche centrocampista, dello Sheffield Wednesday, cresciuto nelle giovanili del Manchester City, la scorsa settimana ha informato i piani alti della propria società riguardo ai suoi nuovi piani per il futuro.

L’ex nazionale Under 19 della Francia, un tempo ritenuto il possibile erede dello juventino Evra, ha affermato di vivere ormai il calcio in modo totalmente disilluso e di volersi trasferire in Arabia Saudita dopo che negli ultimi mesi ha dedicato sempre maggior tempo alla preghiera all’interno della moschea di Sheffield.

Formalmente, il contratto di Helan con la sua società di appartenenza scade a fine stagione ed ancora non è chiaro come le due parti riusciranno ad accordarsi in merito alla situazione.

Il ragazzo, noto nell’ambiente per essere molto attaccato alla propria privacy, non ha voluto rilasciare dichiarazioni ufficiali riguardo alla notizia ormai divenuta di dominio pubblico.

Ad ogni modo, le solite ‘fonti anonime ben informate’ dei tabloid inglesi hanno riportato quanto segue: ‘Eravamo nello spogliatoio con Jeremy circa una settimana fa ed improvvisamente ci ha detto che desidera lasciare il calcio per andare in Arabia Saudita. Ci ha spiegato che da alcuni mesi è sempre più coinvolto nei progetti portati avanti dalla moschea di Sheffield e che ora sente che è arrivato il momento di partire per dedicarsi soltanto all’Islam. Da quanto sappiamo, il club è rimasto veramente sorpreso dalla decisione di Jeremy e ora le due parti stanno cercando di capire come risolvere la questione del contratto’.

Trapela, poi, che i dirigenti dello Sheffield Wednesday, sul finire degli anni Novanta squadra anche di Paolo di Canio e Benny Carbone, stiano provando a convincere Helan a tornare sui propri passi e continuare a giocare per la squadra biancoblu; un’opzione che, però, sembra assai difficile.

Nel 2008, all’età di sedici anni, Helan fu già al centro di un caso all’esterno del rettangolo verde quando firmò per il Manchester City senza però prima aver risolto l’accordo che lo legava al Rennes. Il calciatore fu sospeso per un mese prima che si trovasse l’accordo tra le due società per un indennizzo.

La carriera di Helan a Manchester fu, comunque, piuttosto anonima; una sola presenza, per giunta da subentrato, in League Cup e diversi prestiti tra Carlisle United, Shrewsbury Town e, appunto, Sheffield Wednesday (con i quali firma un contratto lungo a partire dal 2013).

In attesa di ulteriori chiarimenti sulla faccenda, Helan resta chiuso nel suo silenzio nonostante il grosso clamore suscitato dalla storia.

Non si sente certo tutti i giorni, infatti, che un ragazzo decida di preferire una vita di preghiera e religione in luogo di un’esistenza trascorsa all’interno del dorato mondo del calcio.

bannercissako

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Il 7 agosto 1995 ai Mondiali di atletica di Goteborg, Jonathan Edwards, l’uomo volante del...

Pugilato

Un bicchiere con Jean-Claude Bouttier Il 3 Agosto dello scorso anno ci salutava Jean-Claude Bouttier, uno dei più grandi pugili francesi della storia. Per...

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Il 19 luglio 2013 moriva Bert Trautmann, il portiere tedesco che ci ha dimostrato come...

Calcio

Shaun Barker e l’importanza di lasciare un buon odore Ricordati di lasciare sempre buon odore. Mio padre me lo diceva spesso. Mi esortava ad...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Il primo luglio 1903 prendeva il via la prima edizione del...

Calcio

Svezia 1958, il Mondo ai piedi di O’Rei Pelé Il 29 giugno 1958 al Rasundastadion di Stoccolma il Brasile si impone per 5 a...

Calcio

Il cuore grande di Marcus Rashford Quante volte ci siamo sentiti dire che calcio e politica erano ben “distinti tra loro”? Anche in occasioni...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro