Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Aci al Giro D’Italia lancia la campagna #Rispettiamoci. Perché la sicurezza stradale è un diritto e un dovere di tutti

Aci al Giro D’Italia lancia la campagna #Rispettiamoci. Perché la sicurezza stradale è un diritto e un dovere di tutti

Seguire il Giro d’Italia, quest’anno, assume un significato ancora più importante. Questo perché, nella 102esima edizione della Corsa in Rosa, oltre alle emozioni centenarie di un gara mitica, è stata data grandissima importanza ad un tema che, per chi la bici la usa ogni giorno per andare al lavoro o semplicemente come mezzo di trasporto, ha una rilevanza fondamentale. Stiamo parlando della sicurezza stradale e in un mondo che, sempre più attento alla sostenibilità ambientale, sceglie con maggiore evidenza un approccio sulla mobilità orientato alla green economy (così come confermato dai dati) assumono particolare importanza alcune semplici ma necessarie regole da rispettare per evitare incidenti e, nei casi peggiori, rischi per la vita o addirittura decessi. Per questo ACI in collaborazione con SARA Assicurazioni e RCS e con il sostegno della Federazione Ciclistica Italiana ha lanciato una campagna di sensibilizzazione con l’hashtag #RISPETTIAMOCI, trasmessa su Rai 2 durante le dirette del Giro e sui megaschermi installati nei luoghi in cui passa il Giro attraverso alcuni spot a firma ACI girati nel circuito di Vallelunga con protagonista l’ex campione di ciclismo Ivan Basso, che è Presidente dell’Associazione Conass (Comitato Nazionale per la Sicurezza Stradale) e attuale Ambasciatore della Sicurezza dei Ciclisti 2019 dal “Progetto Scorta”. In tutte le tappe del Giro, inoltre, l’Automobile Club d’Italia e gli istruttori del Centro di Guida Sicura ACI-Sara di Vallelunga illustreranno un decalogo con consigli ed indicazioni per automobilisti e ciclisti, chiamati a condividere la strada in sicurezza.

Come ci rilevano i dati, infatti, la mancanza del rispetto e della consapevolezza mentre si è in strada, oltre a, come dicevamo un’evoluzione della mobilità, provoca ogni anno circa 17 mila incidenti in cui sono coinvolti i ciclisti, 18.000 mila feriti e 280 morti, con un aumento dei sinistri dello 0,8% su base annua. Numeri che dovrebbero far riflettere e che hanno portato ACI a promuovere questa campagna, sposata in pieno dal Presidente Angelo Sticchi Damiani: “Questa battaglia a favore dei ciclisti l’abbiamo iniziata iniziata tanti anni fa. Rappresentiamo 35 milioni di automobilisti e bisogna avere un rispetto reciproco nelle strade. Siamo pronti a fare qualcosa di più per spiegare questo agli automobilisti. Alla Camera si sta studiando il nuovo codice della strada e abbiamo concordato sul metro e mezzo per il sorpasso dei ciclisti. Però ricordiamoci che la prima cosa quando si sorpassa un ciclista è la necessità di rallentare. Poi al ciclista raccomandiamo di essere molto visibile, di avere sempre il caschetto. Agli automobilisti ricordiamo grande attenzione nell’apertura dello sportello.” Proprio per questo, ACI ha stampato e distribuito degli adesivi da mettere sugli specchietti delle auto per ricordare la sicurezza per i ciclisti, specialmente in fase di partenza, sorpasso e apertura degli sportelli.

La presenza di ACI alla Corsa Rosa sarà evidenziata ancor di più durante il Giro E, una gara che andrà di pari passo con il circuito tradizionale e che viene disputata giornalmente prima della tappa classica con l’utilizzo delle bici elettriche a pedalata assistita. In questa circostanza ACI consegnerà la maglia rossa al Miglior Sprinter, segno dell’attenzione che ha l’Automobil Club verso una mobilità sostenibile, moderna e non inquinante.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Le Origini del Giro: La storia della mitica Corsa Rosa Inizia domani alle ore 12 l’edizione 104 del Giro D’Italia, con partenza da Torino...

Altri Sport

Gino Bartali, il fascismo e quel Tour de France che “salvò” l’Italia Il 5 maggio 2000 ci lasciava Gino Bartali, leggenda del ciclismo italiano...

Altri Sport

Bradley Wiggins, una vita in fuga Compie oggi 41 anni Bradley Wiggins, l’ex ciclista inglese, la cui storia sembra uscita da una biografia di...

Altri Sport

A tu per tu con Paolo Bettini, il Grillo più veloce del mondo In questa pazza stagione agonistica, che si sta svolgendo rigidamente a...

Altri Sport

Giornata Mondiale della Terra: Olimpiadi Tokyo 2021, l’evento sportivo più ecosostenibile della storia Il 22 Aprile si celebra la Giornata Mondiale della Terra, per...

Altri Sport

Le Origini della Parigi-Roubaix: Théodore Vienne e “quel progetto diabolico” Ieri si sarebbe dovuta disputare l’edizione 2021 della Parigi – Roubaix, una delle cinque...

Altri Sport

Le Origini del Giro delle Fiandre Si corre domani alle ore 10 l’edizione 2021 del Giro delle Fiandre, una delle Classiche Monumento del ciclismo....

Calcio

Forest Green Rovers, la squadra più Eco-Friendly al mondo Il 15 marzo 2019 in 150 paesi sparsi in tutto il mondo (e 2000 città),...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Altri Sport

Alfredo Martini, il “Grande Vecchio” della bicicletta Nel 1982 Italia campione del mondo nel calcio e nel ciclismo. Otto anni dopo terza in entrambi...

Altri Sport

Mistero Pantani: storia di una morte ancora tutta da chiarire Ieri abbiamo ricordato Marco Pantani, in occasione della ricorrenza della sua morte che ancora...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro