Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

La coppia Abodi-Cantone: proposta di legge contro le frodi sportive

Da qualche giorno non si ferma un attimo. La giornata di Andrea Abodi, ex manager di società private e attualmente presidente della Lega di serie B, da frenetica che era, sarebbe diventata improvvisamente, anche irrequieta. Molto irrequieta. A farlo stare male e arrabbiato, sarebbero arrivate, una dietro l’altra, le ultime notizie di scandali, che riguardano le società che militano nella categoria che Abodi rappresenta: la serie cadetta.

Prima è arrivata l’inchiesta “Dirty Soccer” – che ha falcidiato l’intero organigramma societario del Catania calcio, portando all’arresto del presidente Pulvirenti più altri sei dirigenti della società – sulla quale Abodi ha espresso parole emotivamente forti: “E’ come se avessi preso una coltellata” avrebbe detto il Presidente in varie interviste, tra le quali una al Sole 24 Ore. Evidentemente, non deve essere stato semplice per Abodi, venire a sapere che un presidente di una società del “suo” campionato, comprava partite come fossero automobili, a centomila euro l’una, alla volta. La prima domanda che Abodi, e non soltanto lui, deve essersi allora posto è stata: quanti altri nel calcio ragionano come Pulvirenti?

In attesa che la magistratura aiuti a capirlo facendo chiarezza, lui, Abodi, non le ha certo mandate a dire soprattutto a chi, nel mondo della serie cadetta, possa avere mai la malaugurata intenzione di emulare l’ormai ex presidente del Catania.  Da oggi in poi, è stato il messaggio lanciato dal presidente, la tolleranza sarà pari a zero.  La giustizia sportiva prevede la responsabilità diretta e in quel caso la radiazione  sono state le dichiarazioni di Abodi, riprese anche dal sito di Mattino Padova, proprio in riferimento al caso Catania.

Ma non è finita qui. Perché il presidente della Lega di B, e lo ha dichiarato al Sole 24 Ore, avrebbe pensato di coinvolgere nientemeno che il presidente dell’Autorità Anticorruzione Raffaele Cantone, per la presentazione di una proposta di legge che preveda un vero e proprio giro di vite contro le frodi sportive. Tra le norme da inserire in proposta, ci sarebbe anche la confisca dei beni che rientrino nel patrimonio di quei soggetti che risultino colpevoli del reato di frode sportiva oppure, e questa è certamente una novità, richiedano il patteggiamento della pena.

E c’è di più. Nel progetto di legge presentato da Abodi, sia il reato di frode sportiva che quello di raccolta illecita di scommesse, verrebbero inseriti entrambi nel decreto legislativo 231/2001 che disciplina la responsabilità delle persone giuridiche ( in questo caso le società di calcio) che beneficiano della commissione di questi reati. Significa che ad essere punite non saranno solo le persone fisiche, autrici del reato, ma anche le società che da questo reato ottengono un vantaggio. Adesso dovrà essere il Parlamento a fare la sua parte.

A quanto pare la “proposta Abodi” sarebbe stata valutata “positivamente” dai tecnici sia del ministero degli Interni che della Giustizia. Intanto però, prima che la burocrazia parlamentare faccia il suo corso, Abodi deve cercare di mettere ordine all’interno della serie cadetta. Chi lo conosce sa pure che Abodi è uno che sa prendere le decisioni. Anche quelle più impopolari. “Vogliamo partire puliti” ha detto, aggiungendo che in caso contrario “siamo pronti a rinviare l’inizio dei campionati”. Appunto.

social banner

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Calcio

Streaming illegale e IPTV: ecco come funziona il “Pezzotto” e quanto è facile abbonarsi Sono passati pochi giorni dalla maxi operazione della Guardia di...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 27 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Il 14 Novembre 1992 moriva Ernst Happel, il maestro di calcio austriaco che da...

Calcio

Carmelo Bene e il calcio, tra Romario, tempo aiòn e processo di Biscardi L’artista salentino amava i grandi «atti» extra-ordinari del calcio, quelli che...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Il 9 novembre 1989 cadeva il Muro...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro