Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

91 anni di Clint Eastwood: il duro che ci ha raccontato il lato sociale dello Sport

90 anni di Clint Eastwood: il duro che ci ha raccontato il lato sociale dello Sport

Compie oggi 91 anni Clinton “Clint” Eastwood Jr, il grande regista e attore americano. Vincitore di ben 5 premi oscar (2 come miglior film, 2 come miglio regia ed uno dedicato alla memoria Irving G. Thalberg) egli è uno dei massimi esponenti del mondo del grande schermo d’oltreoceano. Durante la sua carriera, iniziata nel 1955, Eastwood infatti ha preso parte, sia in veste di attore che di regista, ad alcune delle pellicole più famose di i tempi.

Tra queste possiamo citare: Il Buono, Il Brutto ed Il Cattivo; Fuga da Alcatraz; Gran Torino e Lettere da Iwo Jima. Tutti film che rientrano in diversi generi cinematografici anche molto diversi tra loro.

Nel corso della sua carriera, soprattutto in quella più recente, Clint Eastwood ha trattato anche la tematica sportiva. Essa, per l’esattezza, viene descritta in due pellicole molte recenti in particolare: Million Dollar Baby ed Invictus. In questi due capolavori, almeno a parere di chi scrive, il regista californiano riesce ad unire, in maniera praticamente perfetta, il lato sportivo a quello sociale.

In Million Dolar Baby, girato nel 2004 con la presenza di alcune stelle americane del grande schermo come Morgan Freeman e Hilary Ann Swank, Eastwood tratta del mondo del pugilato. La storia infatti parla di una giovane, Maggie Fitzgerald, che, figlia poverissima dell’America rurale, è costretta a vivere facendo la cameriera per tirare avanti.

Un giorno, però, la ragazza si iscrive alla palestra di pugilato, in cui insegna il personaggio interpretato da Eastwood. Tutto questo con uno specifico intento: diventare, affrontando ogni sacrificio richiestole, una vera pugilessa professionista a 32 anni di età.

All’inizio Frankie Dunn, il nome del protagonista interpretato dal regista californiano, non accetta l’idea che una ragazza cerchi di entrare, con questa tenacia, in un ambito sportivo in cui sono gli uomini a farla da padrone. Per questo motivo quasi non la prende in considerazione e la lascia allenare autonomamente.

Quando però anche il suo ultimo pugile lo molla, Frankie, vedendo la tenacia con cui si allena Maggie, decide di prenderla come propria atleta e di allenarla personalmente. Così facendo si viene a creare un vero e proprio rapporto padre-figlia tra i due che, allo stesso tempo, porta anche ottimi risultati sul ring.

In questo modo la giovane riesce a trovare quella strada di riscatto sociale da lei sempre agognato. Per il suo allenatore, invece, si tratta di una vera rivincita da un punto di vista professionale: per la prima volta, infatti, non viene considerato un coach “di passaggio” prima di fare il grande salto professionale ma un vero e proprio “guru” di cui seguire ogni consiglio e suggerimento.

Il finale purtroppo è alquanto tragico: la ragazza, durante un match per conquistare il titolo di campionessa di categoria contro una ex prostituta tedesca nota per le sue scorrettezze, viene colpita a tradimento dalla sua avversaria e finisce in coma. Al risveglio si ritrova su un letto di ospedale, immobile, e capisce che non potrà più tornare sul ring.

A quel punto Maggie cerca, in vari modi, di suicidarsi. All’inizio Frank tenta di persuaderla da quella idea ma, dopo aver visto in che situazione sarebbe eventualmente costretta a vivere, prima stacca il respiratore per farla addormentare e poi le inietta una massiccia dose di adrenalina per fermarle il battito cardiaco.

In “Invictus” invece Clint Eastwood tratta un episodio che si ricollega alla storia del Sudafrica: la fine dell’apartheid. Siamo infatti nel 1995 e, nel grande stato del Continente Nero, ha appena vinto le elezioni un certo Nelson Mandela: un nero che, dopo decenni di segregazione razziale, riesce a tornare alla guida del paese come presidente della Repubblica.

In quell’anno il fato ha voluto che si tenesse, proprio in Sudafrica, la fase finale della Coppa del Mondo di rugby. Gli Springbocks, soprannome con cui è conosciuta la nazionale di casa, sono una delle squadre che sono più accreditate per la vittoria finale.

Sul team, però, aleggia ancora l’ombra del razzismo che viene fuori in varie occasioni, anche nelle situazioni più banali. A cercare di trovare una soluzione, e di far capire le reali potenzialità dei giocatori in campo, ci pensa un rugbista in particolare, il capitano Jacobus François Pienaar che, in vari modi, riesce ad unire due mondi: quello dei bianchi e quello dei neri che sono stati divisi per troppo tempo dalle parti di Johannesburg.

Grazie anche all’aiuto di Mandela, Pienaar, riuscirà a tenere calme le acque, dovendo affrontare anche momenti di vera tensione, e contemporaneamente porterà gli Springbocks alla vittoria finale nella competizione iridata dopo aver battuto, in una finale a cardio-palma, i super favoriti All Black neozelandesi.

Per molti quella vittoria sportiva rilanciò, sotto altri numerosi punti di vista, l’immagine del Sudafrica a livello mondiale. La scena finale, secondo chi scrive, rappresenta a pieno questa rivincita sociale di cui si parla.

Insomma, ancora una volta, Clin Eastwood riesce, attraverso le sue pellicole, a descriverci ambiti e tematiche mondiali che difficilmente sarebbero state raccontate in maniera così efficace tramite il grande schermo.

Come posso finire questo pezzo? Sicuramente augurando “Happy Birthday” al vecchio Clint!

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Altri Sport

State of Origin, la “guerra” che ferma l’Australia Inizia domani in Australia  quello che può essere definito l’evento sportivo dell’anno. Una “guerra” che ferma...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 65 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il...

Calcio

Per cucire il filo di una memoria basta un Ago Il 30 Maggio 1994 moriva Agostino Di Bartolomei, indimenticabile Capitano della Roma dello Scudetto,...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni Si giocherà questa sera la finale di Champions League 2020-21 tra Manchester City e Chelsea. Per l’occasione vi...

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Il 29 maggio 2015 moriva Bruno Pesaola, argentino di nascita, napoletano d’adozione. Il nostro tributo a una leggenda partenopea. Un...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro