Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

71 anni del Boss: Bruce Springsteen e l’amore per lo Sport in una canzone

71 anni del Boss: Bruce Springsteen e l’amore per lo Sport in una canzone

Bruce Springsteen, per molti semplicemente “The Boss”, compie oggi 71 anni. Il grande cantautore americano, è nato il 23 settembre 1949 nel New Jersey.

Dai più conosciuto per pezzi intramontabili come “Born In The U.S.A.” o “Glory Days”, Springsteen è ad oggi uno dei massimi rappresentanti musicali del genere rock a livello mondiale. Ma come tutte le grandi star anche il “capo” ha avuto un qualche lato sportivo durante la sua carriera. In questo pezzo noi di Io Gioco Pulito vorremmo svelarvi un aneddoto riguardo la composizione della canzone “Glory Days” che, non a caso, comincia in questo modo: “I had a friend was a big baseball player”.

L’episodio descritto ha luogo quando un giovane Springsteen frequentava il liceo presso la St. Rose of Lima School. In quel periodo, oltre a far parte stabilmente parte del locale team di baseball, la futura stella del rock aveva stretto una profonda amicizia con Joe DePugh, suo compagno di squadra.

Joe DePugh, nel tempo, si fece conoscere dai più visto che diventò un importante lanciatore della Little League: un’organizzazione sportiva americana che organizza tornei giovanili, sia in America che nel resto del mondo, di softball e baseball. Con Springsteen, Depugh aveva militato in Babe Ruth League.

Entrambi mostrarono da subito una certa abilità nel baseball. E tra essi, almeno stando a quanto affermato in varie testimonianze, vi era un certo feeling sul campo da gioco.

Col passare del tempo però, il futuro Boss, perse attrazione nei confronti di quello sport visto che aveva da poco fondato una sconosciuta band chiamata “E Street”. Lo stesso DePugh, in una delle tante interviste rilasciate, affermò come Springsteen “perse interesse per il baseball”; lui, invece, non era “altro che sport”.

Questo incidente di percorso separò le strade dei due che però, si rincontrarono per caso, qualche anno dopo: precisamente nell’estate del 1973.

La carriera sportiva del lanciatore non fu affatto facile. Sostenne, difatti un provino, con i Los Angeles Dodgers ma non riuscì a passarlo.

Per questo motivo fu costretto a svolgere vari lavori: da quello di insegnante precario fino all’imprenditore autonomo.

Dopo l’incontro casuale con Springsteen, DePugh andò in Vermont e divenne un gran fan del suo ex compagno di scuola. Nel 1984 uscì forse il più bel lavoro del cantautore: “Born In The U.S.A.” . DePugh seppe, quasi per caso, che vi era una canzone all’interno dell’album sovracitato, intitolata “Glory Days”, che Springsteen aveva dedicato a lui. Quando la notizia diventò ufficiale cambiò anche la carriera sportiva del diretto interessato.

Venne infatti chiamato da una lega di baseball per signori over50 e fu accolto come una star. Come da lui testimoniato “quando mi presentavo per la prima pratica quell’estate, questi ragazzi venivano da me e si sentivano la manica della mia maglietta e dì: “Oh, sei reale. Pensavamo fossi una leggenda.”

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il calcio secondo Bernardo Bertolucci Il 26 novembre 2018 ci lasciava, all’età di 77 anni, Bernardo Bertolucci, il regista parmigiano, autore di alcuni capolavori...

Inchieste & Focus

Grace Murray Hopper, matematica statunitense diceva che la frase più pericolosa del mondo è “abbiamo sempre fatto così”. Questo nello sport dovrebbe essere applicato...

Altri Sport

We are Marshall: Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Calcio

Giovanni Paolo II, l’Atleta di Dio. Il 22 ottobre di 42 anni fa Karol Wojtyla dava inizio al suo pontificato. Fu il primo papa...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 21 settembre 1961 nasceva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, l’uomo al...

Calcio

Gutendorf – Pfannenstiel: il giro del mondo in 80 squadre Quando Jules Verne pensò di raccontare l’impresa del gentiluomo inglese che voleva circumnavigare l’intero...

Azzardo

Il grande inganno dei Bonus di Benvenuto: quando il “regalo” è utile solo ai Bookmaker Sono messi in grandissima mostra, scritti grandi e con...

Calcio

Lo Sport secondo Andrea Camilleri Il 17 luglio del 2019 ci lasciava il grande scrittore siciliano Andrea Camilleri. Nato il 6 settembre 1925 a...

Calcio

Sport Criminale: quando gli atleti sono vittime di agguati Quando parliamo di giocatori vittime di agguati non possiamo non cominciare da quello che, purtroppo,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro