Connect with us

Cerca articoli

Cura e Prevenzione

7 sintomi di carenza di magnesio

7 sintomi di carenza di magnesio

La carenza di magnesio, nota anche come ipomagnesiemia, è un problema di salute spesso trascurato. In alcuni casi, la carenza può essere sottodiagnosticata poiché i segni evidenti comunemente non compaiono fino a quando i livelli non diventano molto bassi. Le cause della carenza di magnesio variano. Si va da un apporto alimentare inadeguato alla perdita di magnesio dal corpo. I problemi di salute associati alla perdita di magnesio includono diabete, scarso assorbimento, diarrea cronica, celiachia e sindrome delle ossa affamate. Anche le persone con alcolismo sono a maggior rischio.

I 7 sintomi di carenza di magnesio

Contrazioni muscolari e crampi

Contrazioni, tremori e crampi muscolari sono segni di carenza di magnesio. Negli scenari peggiori, la carenza può persino causare convulsioni o convulsioni. Gli scienziati ritengono che questi sintomi siano causati da un maggiore flusso di calcio nelle cellule nervose, che sovraeccita o iperstimola i nervi muscolari. Gli integratori possono alleviare spasmi muscolari e crampi in individui carenti, ma uno studio ha concluso che gli integratori di magnesio non sono un trattamento efficace per i crampi muscolari negli anziani. Sono necessari ulteriori studi in altri gruppi di persone.

Le contrazioni muscolari involontarie possono avere molte altre cause. Ad esempio, possono essere causati da stress o troppa caffeina. Possono anche essere un effetto collaterale di alcuni farmaci o un sintomo di una malattia neurologica, come la neuromiotonia o la malattia dei motoneuroni. E’ consigliabile consultare il medico se i sintomi persistono.

Disturbi mentali

I disturbi mentali sono un’altra possibile conseguenza della carenza di magnesio. Questi includono l’apatia, che è caratterizzata da intorpidimento mentale o mancanza di emozioni. La carenza peggiorata può persino portare a delirio e coma. Alcuni studi hanno associato bassi livelli di magnesio a un aumentato rischio di depressione. Gli scienziati hanno anche ipotizzato che la carenza di magnesio potrebbe promuovere l’ansia, ma mancano prove dirette. Uno studio ha concluso che dagli integratori di magnesio potrebbero beneficiare un sottogruppo di persone con disturbi d’ansia, ma la qualità e la quantità delle prove è scarsa. In breve, sembra che la mancanza di magnesio possa causare disfunzioni nervose e promuovere problemi mentali in alcune persone.

Osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia caratterizzata da ossa deboli e un aumentato rischio di fratture ossee. Il rischio di contrarre l’osteoporosi è influenzato da numerosi fattori. Questi includono la vecchiaia, la mancanza di esercizio e uno scarso apporto di vitamine D e K. È interessante notare che la carenza di magnesio è anche un fattore di rischio per l’osteoporosi. La carenza potrebbe indebolire direttamente le ossa, ma abbassa anche i livelli ematici di calcio, il principale elemento costitutivo delle ossa. Gli studi sui ratti confermano che l’esaurimento del magnesio nella dieta si traduce in una riduzione della massa ossea. Sebbene non siano stati condotti tali esperimenti sulle persone, gli studi hanno associato una scarsa assunzione di magnesio con una minore densità minerale ossea.

Affaticamento e debolezza muscolare

La stanchezza, una condizione caratterizzata da esaurimento o debolezza fisica o mentale, è un altro sintomo della carenza di magnesio. Tutti si stancano di tanto in tanto, ma la stanchezza grave o persistente può essere un segno di un problema di salute. Poiché la fatica è un sintomo aspecifico, la sua causa è impossibile da identificare a meno che non sia accompagnata da altri sintomi. Un altro segno più specifico di carenza di magnesio è la debolezza muscolare, nota anche come miastenia. Gli scienziati ritengono che la debolezza sia causata dalla perdita di potassio nelle cellule muscolari, una condizione associata alla carenza di magnesio. Pertanto, la carenza di magnesio è una possibile causa di affaticamento o debolezza.

Alta pressione sanguigna

Gli studi sugli animali dimostrano che la carenza di magnesio può aumentare la pressione sanguigna e promuovere l’ipertensione, che è un forte fattore di rischio per le malattie cardiache. Mentre mancano prove dirette negli esseri umani, diversi studi suggeriscono che bassi livelli di magnesio o una cattiva assunzione alimentare possono aumentare la pressione sanguigna. La prova più forte dei benefici del magnesio proviene da studi controllati. Diversi studi hanno concluso che gli integratori di magnesio possono abbassare la pressione sanguigna, specialmente negli adulti con pressione alta. In parole povere, la carenza di magnesio può aumentare la pressione sanguigna, il che, a sua volta, aumenta il rischio di malattie cardiache. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi prima che il fenomeno possa essere pienamente compreso.

Asma

La carenza di magnesio a volte si osserva nei pazienti con asma grave. Inoltre, i livelli di magnesio tendono ad essere più bassi nelle persone con asma rispetto alle persone sane. I ricercatori ritengono che la mancanza di magnesio possa causare l’accumulo di calcio nei muscoli che rivestono le vie aeree dei polmoni. Ciò fa sì che le vie aeree si restringano, rendendo più difficile la respirazione. È interessante notare che un inalatore con solfato di magnesio viene talvolta somministrato a persone con asma grave per aiutare a rilassare ed espandere le vie aeree. Per quelli con sintomi potenzialmente letali, le iniezioni sono la via di consegna preferita. Tuttavia, le prove dell’efficacia degli integratori alimentari di magnesio negli individui asmatici non sono coerenti. In breve, gli scienziati ritengono che l’asma grave possa essere un sintomo di carenza di magnesio in alcuni pazienti, ma sono necessari ulteriori studi per indagare sul suo ruolo.

Battito cardiaco irregolare

Tra i sintomi più gravi della carenza di magnesio c’è l’aritmia cardiaca o battito cardiaco irregolare. I sintomi dell’aritmia sono lievi nella maggior parte dei casi. In alcune persone, può causare palpitazioni cardiache, che sono pause tra i battiti cardiaci. Altri possibili sintomi di aritmia includono vertigini, mancanza di respiro, dolore al petto o svenimento. Nei casi più gravi, l’aritmia può aumentare il rischio di ictus o insufficienza cardiaca. Gli scienziati ritengono che la colpa sia di uno squilibrio dei livelli di potassio all’interno e all’esterno delle cellule del muscolo cardiaco, una condizione associata alla carenza di magnesio. Alcuni pazienti con insufficienza cardiaca congestizia e aritmia hanno dimostrato di avere livelli di magnesio inferiori rispetto alle persone sane. Il trattamento di questi pazienti con iniezioni di magnesio ha migliorato significativamente la loro funzione cardiaca. Gli integratori di magnesio possono anche ridurre i sintomi in alcuni pazienti con aritmia.

Sebbene molte persone non raggiungano la RDA esistono molti cibi ricchi di magnesio tra cui scegliere. È ampiamente presente sia nelle piante che negli alimenti di origine animale. Le fonti più ricche sono semi e noci, ma anche i cereali integrali, i fagioli e le verdure a foglia verde sono fonti relativamente ricche.

Di seguito è riportato il contenuto di magnesio in 100 grammi di alcune delle sue migliori fonti.

Mandorle: 270 mg

Semi di zucca: 262 mg

Cioccolato fondente: 176 mg

Arachidi: 168 mg

Popcorn: 151 mg

Ad esempio, solo 28,4 grammi di mandorle fornisce il 18% della RDI per il magnesio. Altre ottime fonti includono semi di lino, semi di girasole, semi di chia, cacao, caffè, anacardi, nocciole e avena. Il magnesio viene anche aggiunto a molti cereali per la colazione e altri alimenti trasformati. Se soffri di un disturbo di salute che causa una perdita di magnesio dal corpo, come il diabete, dovresti assicurarti di mangiare molti cibi ricchi di magnesio o assumere integratori.

La tabella seguente mostra la dose giornaliera raccomandata (RDA) o l’assunzione adeguata (AI) per uomini e donne negli Stati Uniti.

Età Uomo Donna Gravidanza Allattamento
Fino ai 6 mesi 30 mg 30 mg    
7-12 mesi 75 mg 75 mg    
1-3 anni 80 mg 80 mg    
4-8 anni 130 mg 130 mg    
9-13 anni 240 mg 240 mg    
14-18 anni 410 mg 360 mg 400 mg 360 mg
19-30 anni 400 mg 310 mg 350 mg 310
31-50 anni 420 mg 320 mg 360 mg 320 mg
51 + anni 420 mg 320 mg    

 

(Fonte https://www.healthline.com/ )

 

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Integratori

9 modi con cui il Lactobacillus Acidophilus può giovare alla tua salute I probiotici stanno diventando integratori alimentari popolari. È interessante notare che ogni...

Cura e Prevenzione

9 modi per potenziare le difese naturali del tuo corpo Se vuoi migliorare la tua salute immunitaria, potresti chiederti come aiutare il tuo corpo...

Integratori

Olio di krill vs olio di pesce: quale scegliere?  L’olio di pesce, derivato da pesci grassi come acciughe, sgombri e salmone, è uno degli...

Alimentazione

Dieta mediterranea 101: un programma alimentare e una guida per principianti La dieta mediterranea si basa sui cibi tradizionali che le persone consumavano in...

Calcio

Chapecoense 4 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Alimentazione

Kefir: 9 benefici per la salute basati sull’evidenza scientifica Il Kefir è di gran moda nella comunità della salute naturale. Ricco di nutrienti e...

Integratori

Vitamina A: benefici, carenza, effetti collaterali e altro La vitamina A è un nutriente liposolubile che svolge un ruolo vitale nel tuo corpo. Esiste...

Alimentazione

La dieta nordica: uno studio basato sull’evidenza La dieta nordica include cibi comunemente consumati dalle persone nei paesi nordici. Diversi studi dimostrano che questo...

Integratori

L’olio di pesce Omega-3 può aiutarti a perdere peso? L’olio di pesce è uno degli integratori più comuni sul mercato. È ricco di acidi...

Alimentazione

10 benefici del tè verde basati sull’evidenza Il tè verde è considerato una delle bevande più salutari del pianeta. È ricco di antiossidanti che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro