Connect with us

Cerca articoli

Calcio

29 maggio 1985, Heysel: lo spettacolo non doveva andare avanti

29 maggio 1985, Heysel: lo spettacolo non doveva andare avanti

Sono passati 35 anni dalla tragedia dello Stadio Heysel in quella maledetta Finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool. Una partita che doveva essere interrotta.

Heysel. 29 maggio 1985. Una data nella mente di ogni tifoso juventino che non si può dimenticare. E’ la data di una ricorrenza amara che il destino ha voluto incidere per sempre nella storia della squadra più titolata d’Italia come se fosse una ferita. Grave. Profonda. Una di quelle che il tempo, breve o lungo, non riesce a cancellare. Come non può farlo la mente di qualsiasi tifoso bianconero (e quella di molti altri tifosi italiani) che quando arriva il 29 di maggio non può che pensare a ciò che accadde quella maledetta sera del 1985. Quando la Juventus di Giovanni Trapattoni, vincendo la finale contro il Liverpool grazie a un gol su rigore di Michel Platini, alzò al cielo per la prima volta nella sua storia la Coppa dei Campioni. I bianconeri già campioni d’Italia si laurearono quindi anche campioni d’Europa. Ma già prima che le squadre scendessero in campo il destino avevano già deciso che quella non sarebbe stata una serata di festa. Piuttosto, sarebbe passata alla storia come una serata di sangue e di morti nella quale come scrisse l’Osservatore Romano lo sport è stato sconfitto e mortificato”.

Sconfitto, dalla follia di alcuni tifosi inglesi che nelle ore precedenti alla partita iniziarono un assedio nei confronti di alcuni tifosi italiani che occupavano il settore adiacente dello stadio e che alla fine, costò la vita a 39 persone. Molte delle quali rimasero uccise in seguito alla caduta di un muretto crollato sotto la pressione dei tifosi che tentavano di scappare dalla furia degli “hooligans”. Sotto lo sguardo imbelle delle forze dell’ordine locali che si dimostrarono totalmente impreparate (fino a rasentare l’assurdo) a poter gestire un evento di quella portata. A tal punto che proprio mentre nella curva Z ( quella occupata dai tifosi inglesi nella quale vi erano anche tifosi italiani) iniziavano gli incidenti più gravi, la polizia belga anziché tentare di sedare i disordini in tribuna pensò bene di restare in campo per provare a fermare i tifosi juventini più accesi (che occupavano la curva M) e che cercavano di entrare in contatto con i gli inglesi. E mortificato dal cinismo di coloro che nonostante i morti, vollero che lo “spettacolo” ( se tale si poteva chiamare) andasse comunque avanti.

Dall’UEFA alle autorità belghe prima di tutto. Le quali, giustificheranno la loro decisione dicendo di aver voluto evitare il contatto tra le due tifoserie con il rischio di un epilogo ancora più grave. Per finire ai giocatori della Juve (a partire da Michel Platini) che alla fine della partita festeggiarono la vittoria della Coppa come se nulla fosse accaduto. E pace se come disse qualcuno tra i giocatori bianconeri, furono l’UEFA e le autorità belghe a chiedere i festeggiamenti per “rasserenare gli animi”. Alla fine persero tutti. A vincere piuttosto, sarebbe dovuto essere il rispetto per 39 anime che avevano perso la vita per una partita di calcio. Da 35 anni ormai tifano la Juventus da lassù. 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Chapecoense 4 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Altri Sport

Giornata contro la violenza sulle donne: Lina Khalifeh, la combattente giordana e la sua palestra in difesa delle donne Domani 25 Novembre si celebra...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Calcio

Illustrazione di David Diehl Oleg Blokhin, l’oro dell’URSS Compie oggi 68 anni Oleg Blokhin, leggenda del calcio sovietico e pallone d’oro del 1975. Per...

Calcio

La Strage allo Stadio Lenin di Mosca e l’insabbiamento del regime Il 21 Ottobre 1982 allo Stadio Lenin di Mosca, durante una partita di...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Altri Sport

Abdon Pamich: in marcia, con il Ricordo nel cuore Compie oggi 87 anni Abdon Pamich, il marciatore italiano divenuto simbolo sportivo degli esuli istriani...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Calcio

10.380 km di passione: Luch Vladivostok vs Baltika Kaliningrad, la trasferta più estrema al Mondo “Maciniamo i chilometri, superiamo gli ostacoli…”: è questa una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro