Connect with us

Cerca articoli

Calcio

1942: quando la Seconda Guerra Mondiale NON fermò il calcio

1942: quando la Seconda Guerra Mondiale NON fermò il calcio

Il 5 aprile del 1942 allo Stadio Luigi Ferraris di Genova, dopo  sedici lunghi mesi di inattività tornava in campo la Nazionale italiana di calcio per la prima di due amichevoli organizzate in piena Seconda Guerra Mondiale. Avversaria la Croazia. Una seconda partita era poi in programma a Milano il 19 contro la Spagna. Lo sport italiano durante la guerra non si era per niente fermato: il conflitto mondiale era stato molto meno bloccante rispetto a quello che ha passato il calcio durante il lockdown. Il campionato di calcio si svolgeva regolarmente, la stagione ciclistica si era  aperta con la Sanremo un paio di settimane prima e sui giornali che riferivano della partita della nazionale si raccontava dell’attesa dell’arrivo del Giro del Lazio al velodromo di Roma preceduto da una partita di Rugby tra la squadra della Milizia e quella del Politecnico di Bucarest. A Berlino il mediomassimo Luigi Musina era stato capace di vincere ai punti  contro il tedesco Vogt e di conquistare il titolo europeo. Il Littoriale di lunedì 6 aprile è insomma ricco di notizie, con un accenno alla guerra solo in prima pagina, dove le viene dedicata la prima colonna.

Il match con la Croazia era stato trionfale per i colori azzurri, una vittoria 4-0 maturata tutta nel secondo tempo dopo una prima frazione a reti bianche. Gabetto, Ferraris II, Biavati e Grezar su rigore i marcatori per una Nazionale composta da giocatori di ben sette club diversi: Juventus, Ambrosiana, Fiorentina, Bologna, Triestina, Torino e Venezia e guidata in panchina ancora dal due volte Campione del Mondo Vittorio Pozzo. La Croazia era invece espressione di un unico club, il PH Gradanski di Zagabria, che dopo la guerra, con la nascita della Repubblica di Jugoslavia diverrà Dinamo Zagabria. Il tabellino del Littoriale ci informa in modo puntuale, con statistiche modernissime per l’epoca: 17 azioni offensive per l’Italia e 10 per la Croazia, 5 parate a testa per i due portieri, 4 angoli a 3 in favore dell’Italia che ha anche battuto 16 rimesse laterali contro le 12 degli avversari. Circa 20.000 gli spettatori.

E’ un’Italia nuova, che nonostante la guerra prova a ripartire dopo che si è esaurito il ciclo della squadra Campione del Mondo nel ’34 e nel ’38. In quella domenica pomeriggio a Genova sono ben cinque i giocatori a debuttare in Nazionale: il portiere Griffanti della Fiorentina, poi Grezar della Triestina, Gabetto del Torino e Loik e il grande Valentino Mazzola del Venezia. Tutti loro, tranne Luigi Griffanti si ritroveranno nel dopoguerra a far parte del Grande Torino e tutti perderanno la vita a Superga. Un altro componente di quella Nazionale, Pietro Ferraris, noto per distinguerlo da Mario come Ferraris II, lascerà invece Torino al termine della stagione 47/48 per trasferirsi a chiudere la carriera a Novara. Capitano era invece un giocatore della Juventus, Pietro Rava, che con Foni e Andreolo superava le venti presenze in azzurro e loro tre  insieme a Biavati, 14 i suoi caps,  erano gli unici giocatori rimasti in organico ad essere stati presenti ai Mondiali francesi del 1938. Nessuno aveva giocato nel ’34.

La seconda partita è con la Spagna a San Siro. In squadra torna un altro Campione del ’38, Silvio Piola, che si riprende la fascia di capitano. La partita è molto più attesa e l’avversaria molto più temuta della Croazia. Invece tutto fila liscio e gli azzurri vincono nuovamente per 4-0.

Ancora una volta succede tutto nel secondo tempo. Segnano Mazzola, Ferraris, Piola e Loik. Per i due giocatori del Venezia il primo gol in Nazionale. E’ l’ultima partita fino al 1945, quando si riprenderà a inseguire un pallone l’undici novembre a Zurigo in un pirotecnico 4-4 contro la Svizzera. Grezar, Biavati, Ferraris, Mazzola, Piola e Loik ci saranno ancora, gli ultimi due segneranno. Per rivedere le casacche azzurre sul suolo patrio bisognerà aspettare fino al primo dicembre 1946, dopo che la nazionale si è nuovamente fermata per 13 mesi, ancora a Milano contro l’Austria. Arriverà una vittoria per 3-2. Reti, quasi inutile specificarlo, di Piola e Mazzola. Prima di loro dopo 8 minuti dall’inizio, era andato a segno Eusebio Castigliano, un altro che il 4 maggio 1949 sarebbe stato a bordo del Fiat G212 delle Avio Linee Italiane in arrivo da Lisbona all’aeroporto di Torino-Aeritalia oggi dedicato ad Edoardo Agnelli, dove fu atteso invano da centinaia di tifosi granata.

A cura di

Francesco Beltrami nasce 55 anni fa a Laveno sulle sponde del Lago Maggiore per trasferirsi nel 2007 a Gozzano su quelle del Cusio. Giornalista, senza tessera perché allergico a ogni schema e inquadramento, festeggerà nel 2020 i trent'anni dal suo primo articolo. Oltre a raccontare lo sport è stato anche atleta, scarsissimo, in diverse discipline e dirigente in molte società. È anche, forse sopratutto, uno storico dello sport, autore di diversi libri che autoproduce completamente. Ha intenzione di fondare un premio giornalistico per autoassegnarselo visto che vuol vincerne uno e nessuno glielo da.

Da non perdere

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Lo Sport spesso è stato strumento di resistenza alle ingiustizie e atrocità. Anche...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn In occasione dei 103 anni dalla sua nascita, il nostro tributo al leggendario capitano del Grande Torino. Tulèn,...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Ieri, 23 gennaio, ricadeva l’anniversario della morte, datato 1939, avvenuta in circostanze misteriose di Matthias Sindelar, il fenomeno...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Calcio

Milan-Roma: la distanza non è solo nei chilometri Oggi alle ore 18.30 si sfideranno a San Siro due squadre che rappresentano due città così...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Il 4 Gennaio 1998 il calcio riconosceva la grandezza di Ronaldo il Fenomeno, consegnandogli il primo Pallone d’Oro...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro