Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

1942: quando la Seconda Guerra Mondiale NON fermò il calcio

1942: quando la Seconda Guerra Mondiale NON fermò il calcio

Il 5 aprile del 1942 allo Stadio Luigi Ferraris di Genova, dopo  sedici lunghi mesi di inattività tornava in campo la Nazionale italiana di calcio per la prima di due amichevoli organizzate in piena Seconda Guerra Mondiale. Avversaria la Croazia. Una seconda partita era poi in programma a Milano il 19 contro la Spagna. Lo sport italiano durante la guerra non si era per niente fermato: il conflitto mondiale era stato molto meno bloccante rispetto a quello che ha passato il calcio durante il lockdown. Il campionato di calcio si svolgeva regolarmente, la stagione ciclistica si era  aperta con la Sanremo un paio di settimane prima e sui giornali che riferivano della partita della nazionale si raccontava dell’attesa dell’arrivo del Giro del Lazio al velodromo di Roma preceduto da una partita di Rugby tra la squadra della Milizia e quella del Politecnico di Bucarest. A Berlino il mediomassimo Luigi Musina era stato capace di vincere ai punti  contro il tedesco Vogt e di conquistare il titolo europeo. Il Littoriale di lunedì 6 aprile è insomma ricco di notizie, con un accenno alla guerra solo in prima pagina, dove le viene dedicata la prima colonna.

Il match con la Croazia era stato trionfale per i colori azzurri, una vittoria 4-0 maturata tutta nel secondo tempo dopo una prima frazione a reti bianche. Gabetto, Ferraris II, Biavati e Grezar su rigore i marcatori per una Nazionale composta da giocatori di ben sette club diversi: Juventus, Ambrosiana, Fiorentina, Bologna, Triestina, Torino e Venezia e guidata in panchina ancora dal due volte Campione del Mondo Vittorio Pozzo. La Croazia era invece espressione di un unico club, il PH Gradanski di Zagabria, che dopo la guerra, con la nascita della Repubblica di Jugoslavia diverrà Dinamo Zagabria. Il tabellino del Littoriale ci informa in modo puntuale, con statistiche modernissime per l’epoca: 17 azioni offensive per l’Italia e 10 per la Croazia, 5 parate a testa per i due portieri, 4 angoli a 3 in favore dell’Italia che ha anche battuto 16 rimesse laterali contro le 12 degli avversari. Circa 20.000 gli spettatori.

E’ un’Italia nuova, che nonostante la guerra prova a ripartire dopo che si è esaurito il ciclo della squadra Campione del Mondo nel ’34 e nel ’38. In quella domenica pomeriggio a Genova sono ben cinque i giocatori a debuttare in Nazionale: il portiere Griffanti della Fiorentina, poi Grezar della Triestina, Gabetto del Torino e Loik e il grande Valentino Mazzola del Venezia. Tutti loro, tranne Luigi Griffanti si ritroveranno nel dopoguerra a far parte del Grande Torino e tutti perderanno la vita a Superga. Un altro componente di quella Nazionale, Pietro Ferraris, noto per distinguerlo da Mario come Ferraris II, lascerà invece Torino al termine della stagione 47/48 per trasferirsi a chiudere la carriera a Novara. Capitano era invece un giocatore della Juventus, Pietro Rava, che con Foni e Andreolo superava le venti presenze in azzurro e loro tre  insieme a Biavati, 14 i suoi caps,  erano gli unici giocatori rimasti in organico ad essere stati presenti ai Mondiali francesi del 1938. Nessuno aveva giocato nel ’34.

La seconda partita è con la Spagna a San Siro. In squadra torna un altro Campione del ’38, Silvio Piola, che si riprende la fascia di capitano. La partita è molto più attesa e l’avversaria molto più temuta della Croazia. Invece tutto fila liscio e gli azzurri vincono nuovamente per 4-0.

Ancora una volta succede tutto nel secondo tempo. Segnano Mazzola, Ferraris, Piola e Loik. Per i due giocatori del Venezia il primo gol in Nazionale. E’ l’ultima partita fino al 1945, quando si riprenderà a inseguire un pallone l’undici novembre a Zurigo in un pirotecnico 4-4 contro la Svizzera. Grezar, Biavati, Ferraris, Mazzola, Piola e Loik ci saranno ancora, gli ultimi due segneranno. Per rivedere le casacche azzurre sul suolo patrio bisognerà aspettare fino al primo dicembre 1946, dopo che la nazionale si è nuovamente fermata per 13 mesi, ancora a Milano contro l’Austria. Arriverà una vittoria per 3-2. Reti, quasi inutile specificarlo, di Piola e Mazzola. Prima di loro dopo 8 minuti dall’inizio, era andato a segno Eusebio Castigliano, un altro che il 4 maggio 1949 sarebbe stato a bordo del Fiat G212 delle Avio Linee Italiane in arrivo da Lisbona all’aeroporto di Torino-Aeritalia oggi dedicato ad Edoardo Agnelli, dove fu atteso invano da centinaia di tifosi granata.

Francesco Beltrami
A cura di

Francesco Beltrami nasce 55 anni fa a Laveno sulle sponde del Lago Maggiore per trasferirsi nel 2007 a Gozzano su quelle del Cusio. Giornalista, senza tessera perché allergico a ogni schema e inquadramento, festeggerà nel 2020 i trent'anni dal suo primo articolo. Oltre a raccontare lo sport è stato anche atleta, scarsissimo, in diverse discipline e dirigente in molte società. È anche, forse sopratutto, uno storico dello sport, autore di diversi libri che autoproduce completamente. Ha intenzione di fondare un premio giornalistico per autoassegnarselo visto che vuol vincerne uno e nessuno glielo da.

Da non perdere

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Calcio

Il 21 giugno 1970 il Brasile dei fenomeni si impone sull’Italia, conquistando e portandosi a casa la Coppa Rimet. Riviviamo i fatti più salienti...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro