Connect with us

Cerca articoli

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta incredibile ti regala un posto nella storia del calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio

Il 31 ottobre 2002 allo Stade Mahamasina di Antananarivo, Madagascar, va in scena una partita destinata a rimanere nella storia del calcio e dei Guinness dei primati. Vi raccontiamo quell’incredibile giornata.

Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la quarta isola più estesa del mondo. Oltre a ciò, lo stato insulare di fronte alla costa sud-orientale del continente africano, è famosa anche per la sua biodiversità caratterizzata da alcuni animali, come lemuri e camaleonti, e da diverse piante: ad esempio la vaniglia o il baobab.

Da un punto di vista sportivo, dalle parti della capitale del paese Antananarivo, lo sport più famoso è, senza dubbio, il cricket. Anche il calcio, però, sta acquistando sempre più importanza grazie soprattutto alla nazionale di calcio: essa occupa, attualmente, il 100esimo posto del ranking mondiale della Fifa.

Il Madagascar è famoso, da un punto di vista calcistico, per essere stato il paese in cui si è disputata una partita di pallone terminata con la sconfitta più clamorosa della storia del calcio mondiale. Il 31 ottobre 2002, per l’esattezza, il match l’AS Adema e la SO de l’Emyrne si è infatti concluso con il punteggio di 149 a 0.

Un vero e proprio punteggio da incubo. D’altronde, proprio in quelle ore, nel resto del mondo si stava festeggiando la festa di Halloween: la ricorrenza annuale più “paurosa” che ci sia…

Il match si disputa nella sovra-citata città di Antananarivo, più precisamente nell’impianto conosciuto con il nome di Mahamasima Municipal Stadium: il più grande e conosciuto dell’intero stato insulare.

Entrando più nei dettaglio, a sfidarsi sono la prima e la seconda forza del campionato delle Isole dell’Oceano Indiano. Da un punto di vista della classifica, però, il match non ha più alcun significato visto che uno dei due team, l’AS Adema, ha già vinto il titolo nazionale con una giornata di anticipo.

Essa è riuscita ad arrivare a tale trionfo non solo, ahimè, grazie alla sua forza. Nella giornata precedente, infatti, la penultima del torneo, la sua avversaria principale, la SO de l’Emyrne, ha pareggiato per 2-2 contro un’altra squadra del torneo, la DSA Antananarivo.

Tale match, che ha sancito la vittoria matematica dell’Adema, si è però conclusa con più ombre che luci. L’arbitro, infatti, il signor Benjamina Razafintsalama, ha fischiato, negli ultimissimi minuti dell’incontro, un rigore più che dubbio che ha permesso al DSA di pareggiare e all’Adema di vincere il campionato.

Il fato ha poi voluto che, a dirigere la partita tra l’Adema e l’Emeryne, fosse stato designato proprio Razafintsalama. L’Emyrne, allora, ancora scottata dalla decisione presa una settimana prima, decide di mettere in scena una protesta abbastanza clamorosa.

Dopo aver pensato a varie strade da intraprendere, dal mandare in campo la primavera, fatto abbastanza inusuale a queste latitudini, al non presentarsi proprio sul terreno di gioco, si decide di entrare in campo e segnarsi, consapevolmente, il maggior numero di autogol possibili.

Detto, fatto. Tale protesta, infatti, viene messa in pratica fin dai primi minuti dell’incontro, una volta che l’arbitro ha fischiato l’inzio del match.

I giocatori dell’Emyrne, infatti, cominciano a segnarsi una serie impressionante di autogol scagliando, all’interno della propria rete, quanti più palloni possibili.

Né l’arbitro né i giocatori avversari si oppongono a questa assurdità che sta andando in scena, probabilmente storditi da tale forma di protesta e si limitano, semplicemente, ad assistere impotenti. Gli unici che provano a fare qualcosa sono gli spettatori, ignari e increduli di ciò a cui stanno assistendo. Si precipitano giù dalle tribune fino ad arrivare a bordocampo, per chiedere il risarcimento del prezzo del biglietto.

Nonostante le reiterate proteste provenienti dagli spalti, il direttore di gara non ferma l’incontro. Tutto questo fa sì che, quando il cronometro segna il 90° minuto, il risultato sia arrivato al punteggio di 149-0.

Questo basta per far entrare la partita nel Guinness dei primati, per quel che riguarda la differenza di reti nel punteggio finale. Tale primato resiste ancora oggi e crediamo che verrà difficilmente battuto anche nel futuro.

Le conseguenze, manco a dirlo, furono pesanti: al termine dell’incontro, la Federazione calcistica del Madagascar squalificò per tre anni Zaka Be, l’allenatore dell’Emyrne e ideatore della protesta, e per diversi mesi alcuni giocatori in campo.

Questa partita, nonostante la sua assurdità, si è guadagnata un posto di diritto nel gruppo dei match più folli di tutti i tempi. I giocatori dell’Emeryne possono infatti vantarsi di non aver mai fatto toccare palla agli avversari per tutti i 90 minuti….peccato, però, che abbiano segnato solamente nella porta sbagliata!

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio La mattina del 28 gennaio 1986 avvenne quello che, ancora oggi, è considerato...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare In occasione della Giornata della Memoria che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Lo Sport spesso è stato strumento di resistenza alle ingiustizie e atrocità. Anche...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn In occasione dei 103 anni dalla sua nascita, il nostro tributo al leggendario capitano del Grande Torino. Tulèn,...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Compie oggi 75 anni Eduardo Gonçalves de Andrade, meglio noto come Tostão, uno dei migliori calciatori brasiliani di sempre. Per...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Ieri, 23 gennaio, ricadeva l’anniversario della morte, datato 1939, avvenuta in circostanze misteriose di Matthias Sindelar, il fenomeno...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Resiliente da sempre: Paolo Sollier, il compagno centravanti Compie oggi 74 anni Paolo Sollier, l’attaccante piemontese che in carriera non ha mai nascosto le...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro